Quando si parla di inquinamento non pensiamo al microcosmo che è la nostra casa: non ci rendiamo conto di quanti flaconi abbiamo, una media di 10/15, con un totale di 500 componenti chimici, provenienti dal petrolio e quindi tossici.

Oltre ad inquinare le acque penetrano nella pelle e le inaliamo, inoltre rimangono residui tutti i giorni, per anni causando accumulo negli organi, oltre che nelle superfici delle nostre case. I detergenti che usiamo ogni giorno minano la nostra salute e quella del pianeta con i vari elementi tossici al loro interno.

Alcuni di questi sono particolarmente pericolosi per l’ambiente acquatico (ricordiamoci che, in un modo o nell’altro, arrivano tutti al mare), altri effettivamente dannosi per le persone che indossano gli indumenti su cui rimangono sotto forma di invisibili residui.

A questo proposito, Merlin, il compagno di mia nipote Vanessa, mi raccontava che conosce un medico il quale, analizzando l’alta percentuale di cause che fanno ammalare le persone, decise di dedicarsi unicamente a 5 clienti e li accompagnò fino a scoprire la natura dei loro malanni. Un signore che aveva il diabete risultò, con le dovute ricerche minuziose, essere altamente intollerante, se non allergico all’ammorbidente sui suoi vestiti. So bene che per i più scettici questo apparirà molto improbabile ma sono certa che coloro che mi leggeranno, sono interessati piuttosto a valutare le varie alternative sane e sostenibili.

Avere la casa e i vestiti profumati, oltre che puliti, è il sogno un po’ di tutti ma questo obiettivo non deve essere raggiunto a scapito della nostra salute. I profumi e deodoranti per ambienti, ad esempio, sono spesso realizzati con sostanze chimiche che, nella maggior parte dei casi sono fortemente allergizzanti e, nelle persone più sensibili, possono far comparire problemi respiratori, così come irritazioni della pelle.

 

Quali sono i contaminanti nelle nostre case?

Tensioattivi sintetici (sostanze pulenti che si ricavano dal petrolio e, pertanto, difficilmente biodegradabili).

Sbiancanti ottici (sostanze contenute soprattutto nei detersivi per il bucato, che possono causare eczemi e dermatosi).

Conservanti e coloranti (assai dannosi per la salute in quanto poco biodegradabili).

Profumi (sostanze maggiormente allergizzanti)..

Fosfati (addolcitori dell’acqua di lavaggio, capaci di evitare che i tensioattivi vengano sprecati, finendo però nei bacini chiusi, potrebbero causare una fioritura anomale e abnorme di alghe, riducendo la quantità di ossigeno).

Sodio perborato (additivo sbiancante la cui biodegradabilità non supera il 40%).

Si sottovaluta così la responsabilità personale rispetto a determinate scelte, che possiamo operare usando detergenti ecologici, aceto di mele (disincrostante), acido citrico (ammorbidente), bicarbonato (deodorante), oli essenziali (disinfettanti), acqua calda, (sgrassante)

Questo porterà a una spesa minore, oltre ad avere un ambiente “sano”, più spazio, perché ci basteranno pochi flaconi per i vari usi: piatti, vetri, sanitari, mobili, pavimenti. Inoltre useremo  meno acqua per il risciacquo. Senza considerare che i la nostra pelle e i nostri polmoni saranno più sani.

Infine un jolly che ci farà risparmiare tempo, fatica, soldi e ci consentirà di pulire in modo super ecologico: i panni “magici” in micro fibra, possiamo usarli per rimuovere polvere, sporco e grasso senza aggiungere alcun detersivo. Possiamo usarli asciutti per togliere la polvere dai mobili e parquet oppure bagnati per mobili, pavimenti, vetri, piastrelle, specchi, lavelli in acciaio, ecc.. Sono riutilizzabili tante volte, finché non si consumano, basta sciacquarli con dell’acqua calda oppure con del sapone di Castiglia.

Consiglio vivamente di evitare il più possibile i prodotti usa e getta sia per le pulizie che per tutto il resto. Il riciclaggio deve essere oggi giorno oramai una parola d’ordine, e il minor consumo possibile per il nostro e altrui benessere. Doniamo una lunga vita agli oggetti che acquistiamo e utilizziamo, per donarla anche a noi e alla sostenibilità del pianeta.

 

Gli ingredienti indispensabili per una auto produzione “semplice” senza troppe complicate ricette e a disposizione di tutti:

L’acqua per la preparazione dei prodotti e per essere efficace dovremmo aumentare le sue proprietà tensioattive (ammorbidire e portar via i grassi), riscaldandola e/o aggiungendovi alcuni prodotti come il sapone.

L’aerazione:  quotidiana delle stanze (dieci minuti al giorno come minimo ed anche in inverno, non di più per evitare che il riscaldamento vada perso) contribuisce ad eliminare i numerosi agenti inquinanti “interni” e a ridurre l’inquinamento domestico. L’aria fredda e la luce (raggi UV) fra l’altro hanno la capacità di eliminare molti “indesiderati” (batteri, acari…)

L’aceto di mele può essere usato in cucina come condimento, nella lievitazione delle torte o del tofu o anche impiegato nella realizzazione di rimedi di bellezza, per tenere a bada i parassiti dei nostri animali domestici o nel caso di piccoli malesseri. Come il limone e il bicarbonato, anche l’aceto di mele è un ingrediente sorprendente utilizzabile non solo a tavola ma anche per le pulizie ecologiche della nostra casa.

Bicarbonato di sodio, un unico prodotto da utilizzare efficacemente per la pulizia della casa, per la salute e per la bellezza. Uno di quei prodotti versatili da tenere sempre a portata di mano ed è facilmente reperibile in qualsiasi supermercato. In lavatrice può essere addizionato al detersivo per ottenere capi più bianchi o come coadiuvante nel lavaggio di frutta e verdura.

Gli oli essenziali, (link al secondo articolo) estratti naturali utili sia per la cura della salute che per la cura della casa e per il bucato. Li troviamo in ogni vegetale e vengono estratti attraverso un processo di distillazione delle varie parti possibili. Essi fungono da difesa della pianta e supportano il suo sistema immunitario e così possiamo avere anche noi questi benefici: disinfettante, antisettico, antimicrobico, germicida, antibiotico, antibatterico, antimicotico, disinfettante, repellente per gli insetti e deodorante. Il nostro compito in questo caso é scegliere i migliori, i più salutari, e possibilmente ingeribili, anche per le nostre pulizie, poiché è sinonimo di purezza.

Karuna
Insegnante di Yoga, Meditazione e Coaching
Responsabile delle Risorse Umane e Formatrice
Coach Personale, Spirituale e del Benessere
Wellness Advocate doTerra
Consulente DreamTrips
Privato: Via E. Maraini 20b, CH-6900 Massagno
info@maakaruna.com
www.maakaruna.com
+41 77 458 44 39
FB: Karuna Benessere
Linkedin: Carmela Curatolo
Instagram: karunayogaessential
Yoga lugano

Iscrivi alla mia Newsletter

Per essere semprea aggiornato su eventi, workshop di yoga e meditazione.
Leggere gli utlimi articoli sul benessere e gli oli essenziali di doTerra.

You have Successfully Subscribed!

Share This